Principale » disordine bipolare » Trattare il disturbo bipolare

Trattare il disturbo bipolare

disordine bipolare : Trattare il disturbo bipolare
Il disturbo bipolare è in genere una malattia permanente con episodi (specialmente se non trattati) che sono altamente variabili e unici per ciascun individuo. Il trattamento è complesso e spesso comporta più di un farmaco nel tempo. Anche la terapia del colloquio, la medicina complementare e le modifiche dello stile di vita possono aiutare, ma i farmaci psichiatrici sono il pilastro del trattamento.

Illustrazione di Emily Roberts, Verywell

Farmaci da prescrizione

I farmaci possono aiutare una persona con malattia bipolare a gestire i propri sintomi e funzionare bene nella vita di tutti i giorni. Una persona che ha un disturbo bipolare tende a sperimentare alti estremi (mania) e bassi estremi (depressione). Alcuni farmaci aiutano a stabilizzare l'umore in modo da non sperimentare alti e bassi gravi.

Poiché la terapia farmacologica è una componente importante del trattamento del disturbo bipolare, è importante educare te stesso sulle varie opzioni terapeutiche. Uno psichiatra sceglierà quali farmaci potrebbero funzionare meglio per i tuoi sintomi. A volte, potrebbe essere necessario modificare o modificare i farmaci.

Se hai un disturbo bipolare e non sei soddisfatto del farmaco che stai attualmente assumendo, forse ti senti come se non funzionasse abbastanza bene o forse stai sperimentando un effetto collaterale che semplicemente non riesci a sopportare, ricorda che non è mai una buona idea per interrompere l'assunzione di un farmaco tacchino freddo o modificare la dose di un farmaco senza prima parlare con il medico.

Se hai bisogno di cambiare farmaco, il tuo medico o psichiatra ti consiglierà su come farlo in sicurezza.

Anticonvulsivanti

Gli anticonvulsivanti, noti anche come farmaci antiepilettici, sono talvolta usati come stabilizzatori dell'umore nel disturbo bipolare.

  • Carbamazepina (Atretol, Tegretol, Epitol)
  • Divalproex Sodium (Depakote, Epival)
  • Gabapentin (Neurontin)
  • Lamotrigine (Lamictal)
  • Oxcarbazepine (Trielptal)
  • Topiramato (Topamax)
  • Acido valproico (Depakene)

antipsicotici

Gli antipsicotici di prima generazione, noti anche come antipsicotici tipici, includono:

  • Clorpromazina (Thorazine)
  • Aloperidolo (Haldol)
  • Flufenazina (prolixin, consentil)
  • Flupenthixol (Fluanxol)
  • Zuclopenthixol (Opixol)

Gli antipsicotici atipici hanno meno effetti collaterali extrapiramidali rispetto agli antipsicotici tipici. Ma alcuni, in particolare clozapina e olanzapina, comportano un alto rischio di sindrome metabolica. Gli antipsicotici atipici includono:

  • Aripiprazole (Abilify)
  • Clozapina (Clozaril)
  • Olanzapina (Zyprexa)
  • Risperidone (Risperdal)
  • Ziprasidone (Geodon)
  • Quetiapina (Seroquel)

antidepressivi

Gli inibitori selettivi del reuptake della serotonina, o SSRI, sono antidepressivi che sono comunemente prescritti per il disturbo depressivo maggiore ma possono anche essere prescritti per una depressione bipolare. Gli SSRI includono:

  • Citalopram (Celexa)
  • Escitalopram (Lexapro, Cipralex)
  • Sertraline (Zoloft)
  • Fluoxetina (Prozac, Sarafem)
  • Fluvoxamina (Luvox)
  • Paroxetina (Paxil)

Gli inibitori della ricaptazione della serotonina-noradrenalina (SNRI) includono:

  • Venlafaxine (Effexor)
  • Duloxetina (Cymbalta)
  • Desvenlafaxine (Pristiq, Desfax)

Gli antidepressivi triciclici sono una classe più antica di antidepressivi che, sebbene efficaci per alcune persone, presentano un ampio profilo di effetti collaterali tra cui aritmie cardiache ed effetti collaterali anticolinergici come secchezza delle fauci, sedazione e costipazione.

  • Amitriptilina (Amitrip, Elevil, Endep, Levate, Amitril, Enovil)
  • Amoxapina (Asendin)
  • Clomipramina (Anafril)
  • Desipramina (Norpramin, Pertofrane)
  • Doxepin (Sinequan)
  • Imipramina (Tofranil)
  • Nortriptyline (Aventyl, Pamelor)

Gli inibitori delle monoamino-ossidasi (IMAO) sono una classe più antica di antidepressivi. Funzionano prevenendo la rottura delle monoammine nel cervello, come la dopamina, la noradrenalina e la serotonina. Esempi inclusi:

  • Fenelzina (Nardil)
  • Moclobemide (Manerix)
  • Tranylcypromine (Parnate)

Esistono anche antidepressivi che non rientrano necessariamente nelle categorie di cui sopra, come Mirtazapine (Remeron), Trazodone (Oleptro, Desyrel) e Bupropion (Wellbutrin).

benzodiazepine

Le benzodiazepine deprimono il sistema nervoso centrale di una persona e sono utilizzate per trattare l'ansia, l'insonnia e le convulsioni. Le benzodiazepine hanno emivite diverse, il che significa che alcune sono ad azione breve, ad azione intermedia o ad azione prolungata. Loro includono:

  • Alprazolam (Xanax, Novo-alprazol, Nu-alpraz)
  • Clonazepam (Klonopin, Rivotril)
  • Clordiazepossido (Librium, Libritabs)
  • Diazepam (Valium)
  • Flurazepam (Dalmane)
  • Lorazepam (Ativan)
  • Oxazepam (Serax)
  • Temazepam (Restoril)
  • Triazolam (Halcion)

Altri farmaci

Esistono numerosi altri farmaci usati dalle persone con disturbo bipolare. Alcuni sono usati abbastanza comunemente ma non rientrano necessariamente in una delle categorie comuni di farmaci psichiatrici.

Un esempio è il litio (Litano, Litobide, Litonato, Eskalith, Cibalith-S, Duralith) —è un elemento ed è stato il primo trattamento per il disturbo bipolare. Sebbene richieda un attento monitoraggio, è ancora comunemente ed efficacemente utilizzato come stabilizzatore dell'umore di prima linea.

D'altra parte, Verapamil (Calan, Isoptin), è un farmaco per la pressione sanguigna che è stato provato sperimentalmente nel trattamento della mania.

Farmaci combinati

A volte il medico prescriverà un singolo farmaco che combina due farmaci. Ciò può offrire una maggiore praticità, ma una minore flessibilità nell'adeguamento dei singoli dosaggi. Tre esempi includono:

  • Triavil (Amitriptilina / Perfenazina)
  • Limbitrolo (Amitriptilina / clordiazepossido)
  • Symbyax (Fluoxetine / olanzapine)

Terapie psicologiche

Molti sintomi del disturbo bipolare influiscono sul benessere emotivo, quindi la psicoterapia può spesso essere utile. Le sessioni terapeutiche dovrebbero svolgersi con professionisti della salute mentale addestrati: possono aiutare a identificare quando i tuoi umori cambiano, i fattori scatenanti che portano a episodi depressivi o maniacali e le abilità per affrontare il disturbo bipolare.

Possono anche aumentare la conformità dei farmaci, aiutarti a connetterti con gli altri nella comunità del disturbo bipolare e ridurre eventuali comportamenti negativi che influenzano la qualità della tua vita.

Esistono diversi tipi di psicoterapia (talk terapia) che potrebbero essere considerati come terapia cognitivo comportamentale, terapia comportamentale dialettica e trattamento familiare. Coinvolgere i propri cari nel trattamento può aiutare i membri della famiglia a comprendere meglio il disturbo bipolare e può aiutarli a sostenere il trattamento.

Trattamenti complementari

È importante parlare con il medico prima di provare qualsiasi trattamento alternativo. Gli integratori a base di erbe, come l'erba di San Giovanni, potrebbero interferire con i tuoi farmaci o addirittura scatenare un episodio maniacale, e alcuni studi hanno dimostrato che può alleviare la depressione da lieve a moderata.

Un altro trattamento complementare per gli aspetti del disturbo bipolare è la fototerapia, nota anche come terapia light box. È spesso usato per trattare la depressione stagionale.

Le prove relative ai benefici degli acidi grassi omega-3 o dell'agopuntura sono incoerenti. Non ci sono molti dati disponibili che supportano chiaramente l'efficacia di altri interventi alternativi nel disturbo bipolare (ad es. Aromaterapia, terapia di massaggio, yoga) sebbene possano essere utili in termini di auto-cura generale.

Prima di iniziare qualsiasi tipo di trattamento alternativo, parla con il tuo medico o psichiatra.

Cambiamenti nello stile di vita

Il tuo medico e terapista probabilmente ti parleranno delle strategie per gestire il tuo stile di vita. Sonno adeguato, esercizio fisico e una buona alimentazione possono essere componenti chiave nella gestione dei sintomi.

È anche importante gestire il tuo livello di stress. Lo sviluppo di capacità di coping sane e di punti utili per lo stress può essere la chiave per regolare il tuo umore.

Potrebbe anche essere importante evitare droghe e alcol. Le sostanze che alterano l'umore tendono ad intensificare i problemi associati al disturbo bipolare.

Il supporto può anche essere utile nella gestione dei sintomi. Se ti mancano risorse come amici di supporto e una famiglia, entrare a far parte di un gruppo di supporto per persone con disturbo bipolare può essere particolarmente importante.

Trovare il trattamento

Il trattamento per il disturbo bipolare può essere avviato una volta effettuata una diagnosi corretta. Probabilmente il tuo medico ti indirizzerà a uno psichiatra o ad altri professionisti della salute mentale. Assicurati di parlare apertamente con il tuo medico e professionista della salute mentale dei tuoi sintomi, comportamenti, stati d'animo e qualsiasi altra cosa che noti nella tua vita quotidiana.

Guida alla discussione sul disturbo bipolare

Ottieni la nostra guida stampabile per l'appuntamento del tuo prossimo medico per aiutarti a porre le domande giuste.

Scarica il pdf

Il disturbo bipolare è gestito al meglio da un team di professionisti. Quando quei professionisti lavorano insieme per gestire i sintomi, probabilmente sarai in grado di sperimentare la remissione. Con il giusto piano di trattamento, molte persone vanno avanti per anni e persino per decenni senza sintomi.

La remissione riguarda il raggiungimento della stabilità e il controllo del disturbo bipolare, ed è quello che la maggior parte delle persone che hanno il disturbo bipolare sperano: una vita produttiva e armoniosa. Il raggiungimento della stabilità di solito richiede farmaci come parte del piano di trattamento.

Vivere bene con il disturbo bipolare: affrontare lo stigma e altro
Raccomandato
Lascia Il Tuo Commento