Principale » disordine bipolare » Il ruolo della noradrenalina nel trattamento dei problemi dell'umore

Il ruolo della noradrenalina nel trattamento dei problemi dell'umore

disordine bipolare : Il ruolo della noradrenalina nel trattamento dei problemi dell'umore
La noradrenalina, nota anche come noradrenalina, è sia un ormone che un neurotrasmettitore cerebrale o chimico. È immagazzinato principalmente nei neuroni (cellule nervose) del sistema nervoso simpatico con piccole quantità anche nel tessuto surrenale, che si trova sopra i reni.

Come ormone, la noradrenalina viene rilasciata nel flusso sanguigno dalle ghiandole surrenali e lavora insieme all'adrenalina (nota anche come adrenalina) per dare al corpo energia improvvisa in periodi di stress, nota come risposta "combatti o fuggi".

Come neurotrasmettitore, la noradrenalina passa gli impulsi nervosi da un neurone all'altro.

Inibitori della ricaptazione della serotonina-noradrenalina (SNRI)

I farmaci che inibiscono la ricaptazione della noradrenalina e della serotonina (che è un altro neurotrasmettitore) sono chiamati inibitori della ricaptazione della serotonina-noradrenalina (SNRI). Inibendo il ricupero di questi due neurotrasmettitori, gli SNRI aumentano i livelli di noradrenalina e serotonina nel cervello. La serotonina fa stare bene una persona e la noradrenalina migliora energia e attenzione.

È stato scoperto che gli SNRI sono efficaci nel trattamento di disturbi dell'umore come depressione, disturbo bipolare e disturbi d'ansia. Gli SNRI sono talvolta prescritti anche per il dolore cronico e la fibromialgia.

SNRI per il trattamento dei disturbi dell'umore

Gli SNRI approvati per l'uso nella depressione maggiore includono Cymbalta (duloxetina), Effexor (venlafaxina) e Pristiq (desvenlafaxina), ma ce ne sono altri approvati anche per altre malattie.

Sebbene nessun antidepressivo, compresi gli SNRI, sia stato approvato dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense per il trattamento del disturbo bipolare, a volte vengono prescritti come parte di un piano di trattamento individuale.

Effetti collaterali comuni degli SNRI

Gli SNRI possono aumentare la pressione sanguigna di una persona, quindi il medico potrebbe voler monitorare la pressione sanguigna se ne prescrive una. Se hai già difficoltà a controllare la pressione sanguigna, un SNRI potrebbe non essere una buona opzione per te.

Questi effetti collaterali spesso scompaiono dopo un paio di settimane, ma se non lo fanno o sono particolarmente fastidiosi, assicurati di contattare il medico. Alcuni effetti collaterali comuni degli SNRI includono:

  • Vertigini
  • Bocca asciutta
  • Sudorazione più del solito
  • Mal di stomaco
  • Fatica
  • Mal di testa
  • Perdere l'appetito
  • Stipsi
  • Difficoltà sessuali
  • Ansia
  • Difficoltà a urinare

La famiglia degli inibitori della ricaptazione della serotonina-noradrenalina

Ognuno di questi SNRI è un po 'diverso chimicamente dagli altri.

Effexor (Venlafaxine)

Effexor è stato il primo SNRI ad essere approvato negli Stati Uniti nel 1993. È stato approvato dalla FDA per depressione, disturbo di panico, fobia sociale e disturbo d'ansia generalizzato (GAD). Effexor inibisce il riassorbimento della serotonina un po 'più di quanto non faccia la noradrenalina.

Cymbalta (Duloxetine)

Nel 2004, Cymbalta è stato il secondo SNRI ad essere approvato negli Stati Uniti. del modo in cui funziona, ha il maggior numero di approvazioni FDA per il trattamento di malattie, tra cui neuropatia periferica diabetica, depressione, disturbo d'ansia generalizzato, fibromialgia, osteoartrite e dolore ai nervi. Come Effexor, Cymbalta favorisce anche l'inibizione del riassorbimento della serotonina rispetto alla noradrenalina, ma in misura minore.

Pristiq (Desvenlafaxine)

Pristiq, il terzo SNRI da approvare. finora è stato approvato solo per il trattamento della depressione maggiore. Chimicamente, Pristiq funziona in modo molto simile a Cymbalta.

Savella (Milnacipran)

Questo è il quarto SNRI da approvare negli Stati Uniti per il trattamento della fibromialgia. Savella agisce inibendo il riassorbimento sia della serotonina che della noradrenalina allo stesso modo e, secondo alcune fonti, potrebbe persino favorire la noradrenalina.

Fetzima (Levomilnacipran)

Il membro più recente introdotto alla famiglia SNRI, Fetzima è stato approvato dalla FDA nel 2013 ed è stato approvato dalla FDA solo per il trattamento della depressione. Fetzima inibisce il riassorbimento della noradrenalina il doppio rispetto al riassorbimento della serotonina, rendendolo unico tra gli SNRI.

Raccomandato
Lascia Il Tuo Commento