Principale » BPD » Emozioni e tipi di risposte emotive

Emozioni e tipi di risposte emotive

BPD : Emozioni e tipi di risposte emotive
Le emozioni sembrano dominare la nostra vita quotidiana. Prendiamo decisioni in base al fatto che siamo felici, arrabbiati, tristi, annoiati o frustrati. Scegliamo attività e hobby in base alle emozioni che incitano.

Definire le emozioni

Secondo il libro "Alla scoperta della psicologia" di Don Hockenbury e Sandra E. Hockenbury, un'emozione è uno stato psicologico complesso che coinvolge tre componenti distinte: un'esperienza soggettiva, una risposta fisiologica e una risposta comportamentale o espressiva.

Oltre a cercare di definire quali sono le emozioni, i ricercatori hanno anche cercato di identificare e classificare i diversi tipi di emozioni. Le descrizioni e gli approfondimenti sono cambiati nel tempo:

  • Nel 1972, lo psicologo Paul Eckman suggerì che ci sono sei emozioni di base universali nelle culture umane: paura, disgusto, rabbia, sorpresa, felicità e tristezza.
  • Nel 1999, ha ampliato questo elenco per includere una serie di altre emozioni di base, tra cui imbarazzo, eccitazione, disprezzo, vergogna, orgoglio, soddisfazione e divertimento.
  • Negli anni '80, Robert Plutchik introdusse un altro sistema di classificazione delle emozioni noto come la "ruota delle emozioni". Questo modello ha dimostrato come le diverse emozioni possono essere combinate o mescolate insieme, proprio come un artista mescola colori primari per creare altri colori.

Plutchik propose 8 dimensioni emotive primarie: felicità contro tristezza, rabbia contro paura, fiducia contro disgusto e sorpresa contro anticipazione. Queste emozioni possono quindi essere combinate per creare altri (come felicità + anticipazione = eccitazione).

Per capire meglio quali sono le emozioni, concentriamoci sui loro tre elementi chiave, noti come esperienza soggettiva, la risposta fisiologica e la risposta comportamentale.

Illustrazione di Emily Roberts, Verywell

L'esperienza soggettiva

Mentre gli esperti ritengono che ci siano un certo numero di emozioni universali di base che vengono vissute da persone di tutto il mondo indipendentemente dallo sfondo o dalla cultura, i ricercatori credono anche che provare l'emozione possa essere altamente soggettivo.

Mentre abbiamo ampie etichette per emozioni come "arrabbiato", "triste" o "felice", la tua esperienza personale di queste emozioni può essere molto più multidimensionale, quindi soggettiva.

Considera la rabbia, per esempio. La rabbia è tutta uguale ">

Inoltre, non sperimentiamo sempre forme pure di ogni emozione. Sono comuni le emozioni miste per eventi o situazioni diversi nelle nostre vite. Di fronte all'avvio di un nuovo lavoro, potresti sentirti eccitato e nervoso.

Sposarsi o avere un figlio potrebbe essere segnato da una grande varietà di emozioni che vanno dalla gioia all'ansia. Queste emozioni possono manifestarsi simultaneamente o potresti sentirle una dopo l'altra.

La risposta fisiologica

Se hai mai sentito il tuo stomaco vacillare dall'ansia o il tuo cuore palpato dalla paura, allora ti rendi conto che le emozioni causano anche forti reazioni fisiologiche. (Oppure, come nella teoria dell'emozione Cannon-Bard, proviamo emozioni e sperimentiamo reazioni fisiologiche contemporaneamente).

Molte delle risposte fisiologiche che si verificano durante un'emozione, come i palmi sudati o il battito cardiaco accelerato, sono regolate dal sistema nervoso simpatico, un ramo del sistema nervoso autonomo.

Il sistema nervoso autonomo controlla le risposte involontarie del corpo, come il flusso sanguigno e la digestione. Il sistema nervoso simpatico è incaricato di controllare le reazioni di lotta o fuga del corpo. Di fronte a una minaccia, queste risposte preparano automaticamente il tuo corpo a fuggire dal pericolo o affrontarlo frontalmente.

Mentre i primi studi sulla fisiologia delle emozioni tendevano a concentrarsi su queste risposte autonome, ricerche più recenti hanno preso di mira il ruolo del cervello nelle emozioni. Le scansioni cerebrali hanno dimostrato che l'amigdala, parte del sistema limbico, svolge un ruolo importante in particolare nelle emozioni e nella paura.L'amigdala stessa è una minuscola struttura a forma di mandorla che è stata collegata a stati motivazionali come la fame e la sete così come memoria ed emozione.

I ricercatori hanno utilizzato l'imaging del cervello per dimostrare che quando alle persone vengono mostrate immagini minacciose, l'amigdala si attiva. Il danno all'amigdala ha anche dimostrato di compromettere la risposta alla paura.

Come il cervello modella come ti senti

La risposta comportamentale

La componente finale è forse quella con cui hai più familiarità: la vera espressione dell'emozione. Trascorriamo molto tempo a interpretare le espressioni emotive delle persone che ci circondano. La nostra capacità di comprendere accuratamente queste espressioni è legata a ciò che gli psicologi chiamano intelligenza emotiva e queste espressioni svolgono un ruolo importante nel nostro linguaggio corporeo generale.

La ricerca suggerisce che molte espressioni sono universali, come un sorriso per indicare la felicità o un cipiglio per indicare la tristezza. Le norme socioculturali svolgono anche un ruolo nel modo in cui esprimiamo e interpretiamo le emozioni.

In Giappone, ad esempio, le persone tendono a mascherare manifestazioni di paura o disgusto quando è presente una figura di autorità. Allo stesso modo, culture occidentali come gli Stati Uniti hanno maggiori probabilità di esprimere emozioni negative sia da sole che in presenza di altri, mentre culture orientali come il Giappone hanno maggiori probabilità di farlo mentre sono sole.

Le nostre espressioni emotive sono universali?

Emozioni contro stati d'animo

Nel linguaggio quotidiano, le persone usano spesso i termini "emozioni" e "stati d'animo" in modo intercambiabile, ma gli psicologi in realtà fanno distinzioni tra i due. In che modo differiscono? Un'emozione è normalmente di breve durata, ma intensa. È anche probabile che le emozioni abbiano una causa definita e identificabile.

Ad esempio, dopo essere stato in disaccordo con un amico sulla politica, potresti sentirti arrabbiato per un breve periodo di tempo. Un umore, d'altra parte, è di solito molto più mite di un'emozione, ma di lunga durata e, in molti casi, può essere difficile identificare la causa specifica di un umore. Ad esempio, potresti sentirti triste per diversi giorni senza alcun motivo chiaro e identificabile.

Le 6 principali teorie sull'emozione
Raccomandato
Lascia Il Tuo Commento