Principale » depressione » Terapia cognitivo-comportamentale per la depressione e l'ansia

Terapia cognitivo-comportamentale per la depressione e l'ansia

depressione : Terapia cognitivo-comportamentale per la depressione e l'ansia
Esistono molti approcci diversi alla psicoterapia. Alcuni terapisti si identificano con un approccio o un orientamento particolari, mentre altri attingono da una varietà di approcci diversi. La terapia cognitivo-comportamentale (CBT) è un orientamento specifico della psicoterapia che cerca di aiutare le persone a cambiare il loro modo di pensare.

Terapia comportamentale cognitiva

La terapia cognitivo-comportamentale si basa sulla teoria cognitiva ed è stata sviluppata da Aaron Beck per l'ansia e la depressione. La CBT è una miscela di terapie cognitive e comportamentali che aiutano i pazienti a sintonizzarsi nel dialogo interno al fine di cambiare i modelli di pensiero disadattivi. Beck ha sviluppato procedure specifiche per aiutare a contestare i presupposti e le convinzioni di un cliente depressivo e aiutare i pazienti a imparare a cambiare il loro modo di essere in modo più realistico e quindi a sentirsi meglio. C'è anche un'enfasi sulla risoluzione dei problemi e sul cambiamento dei comportamenti e i clienti sono incoraggiati a svolgere un ruolo attivo nella loro terapia.

Altri tipi di terapia cognitivo-comportamentale

Un tipo di CBT è la terapia comportamentale emotiva razionale (REBT), sviluppata da Albert Ellis. Ellis considera forti emozioni derivanti da un'interazione tra eventi nell'ambiente e le nostre convinzioni e aspettative. Alcune di queste credenze possono essere troppo forti o rigide. Ad esempio, mantenendo la convinzione che tutti dovrebbero piacere a te. Con REBT, impareresti a cambiare questa convinzione in modo che sia meno estremo e meno probabilità di interferire con la tua vita. La tua convinzione potrebbe poi trasformarsi nel voler piacere alle persone, ma rendendoti conto che non tutti lo faranno.

Un'altra forma di CBT è la terapia comportamentale dialettica (DBT), che è stata sviluppata da Marsha Linehan principalmente per essere utilizzata per i pazienti con disturbo borderline di personalità (BPD). DBT sottolinea il lavoro sull'accettazione di pensieri e sentimenti invece di cercare di combatterli. L'obiettivo è far sì che i pazienti accettino i loro pensieri e sentimenti in modo che possano eventualmente cambiarli.

La terapia di prevenzione dell'esposizione e della risposta (ERP) è ancora un altro tipo di CBT che viene solitamente utilizzata per il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC). In questa terapia, i pazienti sono esposti alle situazioni o agli oggetti che causano loro più paura (ossessioni) ma non sono in grado di impegnarsi nei comportamenti che aiutano ad alleviare l'ansia che provano (compulsioni). Ad esempio, se hai paura dei germi, durante l'ERP, il tuo terapeuta potrebbe farti toccare denaro e non lavarti le mani per un determinato periodo di tempo. Esercitarsi ripetutamente ti aiuta ad acquisire sicurezza nel gestire l'ansia di accompagnamento e può aiutare notevolmente ad alleviare i sintomi del disturbo ossessivo compulsivo con esposizione ripetuta.

La CBT funziona per la depressione ">

È stato difficile ricercare l'efficacia della psicoterapia poiché il termine può riferirsi a tante attività diverse. La terapia cognitivo-comportamentale, tuttavia, si presta bene alla ricerca ed è stato scientificamente dimostrato di essere efficace nel trattamento dei sintomi della depressione e dell'ansia. Tende ad essere da breve a moderato, in contrasto con alcuni altri orientamenti a causa della sua attenzione al presente, nonché alla risoluzione dei problemi. La sua missione di educare il paziente ad imparare a diventare il proprio terapeuta lo rende anche un trattamento a lungo termine.

Farmaci o psicoterapia?

La depressione e l'ansia possono essere trattate con farmaci, psicoterapia o entrambi. Alcune ricerche hanno dimostrato che la combinazione di farmaci e terapia può essere particolarmente efficace.

Le compagnie di assicurazione a volte incoraggiano i medici di famiglia a prescrivere farmaci piuttosto che fare riferimento a un professionista della salute mentale per la psicoterapia. Ci sono momenti in cui questo può essere appropriato, ma ci sono altre volte in cui la psicoterapia è chiaramente indicata. Se stai assumendo un antidepressivo o un farmaco per l'ansia e ritieni che parte del problema non venga affrontato, prendi in considerazione la possibilità di chiedere aiuto a un professionista della salute mentale.

Raccomandato
Lascia Il Tuo Commento